A huge collection of 3400+ free website templates www.JARtheme.COM WP themes and more at the biggest community-driven free web design site
  • Scuoladi Teatro

    Scuola
    di Teatro

 

INFORMAZIONI

Il Teatro Fraschini e la Facoltà di Lettere e Filosofia - sezione Spettacolo - dell'Università degli Studi di Pavia organizzano la Scuola di teatro. La scuola prevede un percorso formativo triennale che si articola in due distinti indirizzi, uno rivolto alla creazione di operatori di teatro sociale (Corso per operatori di teatro sociale) e uno specificatamente indirizzato all'arte dell'attore (Corso per attori). Il Corso per operatori di teatro sociale si pone come obiettivo la creazione della figura professionale dell'operatore di teatro sociale, per operare all'interno di gruppi e comunità, mediante interventi teatrali, animativi e l'organizzazione di eventi sul territorio, in collaborazione con la rete istituzionale e le reti sociali locali, nei vari settori della cultura, dell'animazione, dell'educazione, della prevenzione, della riabilitazione, della marginalità e del disagio. Il Corso per attori ha come ha come scopo principale l'orientamento degli studenti coinvolti rispetto alla professione dell'attore teatrale, fornendo gli strumenti della professione dell'attore, le competenze tecniche e teoriche. Tra i contenuti formativi si affrontano, oltre al training, tecniche ed uso della voce, tecniche di recitazione e di dizione, percorsi di educazione al movimento, alla danza ed al canto, elementi di drammaturgia e di regia, storia del teatro.


Per informazioni:
Giuseppe Soggetti
Responsabile segreteria artistica
Tel. 0382.371202
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


INSEGNANTI

Angela Malfitano

Angela Malfitano si è laureata in Lingue e Letterature straniere con una tesi in Storia del Teatro Inglese, col Prof Claudio Meldolesi presso l’Università di Bologna. Lavora in teatro dall’età di 19 anni: si è formata come attrice soprattutto alla “scuola” di Leo De Berardinis e ha avuto importanti incontri di lavoro (tra gli altri) anche con Thierry Salmon: “Signorina Else” (produzione ERT, Modena), Dario Fo, Franca Rame, Marco Baliani: “Memoria del fuoco”, Claudio Moranti: “Le Regine” e “Riccardo III”, Luciano Nattino: “Perfettissime sorelle” e Alfieri Società Teatrale, Dominique Durvin (direttore del Teatro di Amiens), Alejandro Jodorowsky (psicomagia e teatro) e la drammaturga Renata Molinari (lavorano per una decina d’anni alla formazione di un gruppo di attrici-drammaturghe). Dal 1992 è anche autrice di propri progetti teatrali che l’hanno vista impegnata oltre che come interprete anche come regista, drammaturga e produttrice. Si è così creata la Compagnia Angela Malfitano. Ha fondato nel 1999, con Francesca Mazza, l’Associazione Culturale “Tra un atto e l’altro” con la quale ha ideato e realizzato un progetto di teatro-formazione sulle figure femminili dell’Odissea per le iniziative di Bologna2000. Inoltre lavora come come docente a contratto presso la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna-sede di Forlì.


Fabrizio Fiaschini

Fabrizio Fiaschini è Professore associato in Discipline dello spettacolo presso l’Università degli Studi di Pavia, dove insegna Storia del teatro e dello spettacolo, il Testo spettacolare tra tra letteratura e performance e Teoria e tecnica della performance. All’attività didattica e di ricerca svolta presso l’ateneo pavese e altre università, alterna un’attenzione particolare ai percorsi attuali dello spettacolo e della formazione teatrale, collaborando con istituzioni pubbliche e private. In prospettiva storica e filologica si è occupato di aspetti della rappresentazione in epoca tardo-medievale, rinascimentale e barocca, realizzando recentemente una monografia su Giovan Battista Andreini («L'incessabil agitazione». Giovan Battista Andreini fra professione teatrale, cultura letteraria e religione, Pisa, Giardini, 2007). In ambito novecentesco ha curato l’edizione critica delle parti inedite della Storia del teatro italiano di Mario Apollonio (Milano, Rizzoli, 2003) e sviluppato analisi sulla scena contemporanea. Si dedica inoltre allo studio delle declinazioni del teatro in ambito educativo, socioculturale e terapeutico, affiancando al lavoro teorico un’intensa attività di formazione e di progettazione, attraverso l’ideazione di eventi e la conduzione di laboratori teatrali, corsi di aggiornamento e di formazione professionale per insegnanti e operatori del settore.


Francesca Mazza

Francesca Mazza (Cremona, 23 febbraio 1958) è un'attrice teatrale italiana. Si laurea con lode in Lettere e Filosofia, corso di laurea in Discipline dell'arte, della musica, dello spettacolo, e si diploma alla Scuola di teatro di Bologna, diretta da Alessandra Galante Garrone. Il suo percorso artistico inizia nel 1982, quando debutta in ambito professionistico con lo spettacolo Il bugiardo di Carlo Goldoni, regia di Alvaro Piccardi, nella compagnia di Ugo Pagliai e Paola Gassman. Dal 1983 al 1995 lavora negli spettacoli di Leo de Berardinis, all’interno del Teatro di Leo di cui è co-fondatrice. Negli anni successivi lavora collaborando con Alfonso Santagata, Raul Ruiz e Fernando Solanas. Nel 2003 è protagonista femminile del film di Andrea Adriatico Il vento, di sera presentato in prima mondiale al Festival internazionale del cinema di Berlino 2004. È stata protagonista di innumerevoli spettacoli, sia in Italia, sia all'estero, con numerose segnalazioni e riconoscimenti. Due volte premio Ubu, nel 2005 si è aggiudicata il premio come miglior attrice non protagonista italiana per l'interpretazione in Aquamarina, mentre nel 2010 ha vinto il premio come migliore attrice protagonista con lo spettacolo West, entrambi della compagnia Fanny & Alexander. In riconoscimento dell’attività artistica svolta al fianco di Leo De Berardinis ha ricevuto insieme ai colleghi della compagnia Teatro di Leo il premio DAMS nel 2004 e il premio Viviani conferito nel 2006 dal Festival di Benevento.


Isadora Angelini

Attrice, autrice, regista. Laureatasi in lingue all'Università degli Studi Venezia, con una tesi sul teatro di Derek Walcott. Master in Acting su borsa di studio presso l’Università della California, Santa Barbara, dove si è specializzata in Movement for the Stage con James Donlon. Diplomata in studi coreografici al Centro Inteatro di Polverigi. E' stata attrice e assistente alla regia di Angela Malfitano nel progetto sul Macbeth e in Deaodissea e Poema della Fine. Ha collaborato con il Teatro del Lemming come attrice in: Edipo, Odisseo, A Colono, Dioniso, Inferno. Per il Lemming è insegnante di Drammaturgia dell'Attore nei corsi professionali per attori della Regione Veneto. Ha fatto parte come attrice e direttore artistico del Teatro Setaccio, progetto del regista argentino César Brie che con questo gruppo crea Il Cielo degli Altri. Nel 2006 ha fondato con Luca Serrani la Compagnia indipendente Teatro Patalò. Per la Compagnia dirige Zio Vanja insieme a César Brie, ed è attrice in Nella tana del Lupo. Con la Compagnia intraprende poi un percorso di scrittura per la scena. Ha lavorato come attrice nello spettacolo Pasolini - Un delitto italiano di e con Carlo Lucarelli. Fa parte del Libero Gruppo di Studio diretto dal regista Claudio Morganti. Nell' attività pedagogica ha collaborato fra gli altri con il Festival di Santarcangelo (curando il progetto Lettere Al Presente nel 2013) il Teatro Due Mondi, Cèsar Brie e il Teatro de los Andes in Bolivia, l'Università della California a Santa Barbara, l'Università di Ancona, il DAMS di Bologna, Officina delle Arti di Cesenatico, l'Arboreto-Teatro Dimora di Mondaino, il CRT di Milano, l'Accademia di Belle Arti dell'Aquila, il Teatro Civico di Sinnai, lo Spazio Factory di Reggio Emilia e diverse scuole pubbliche di Rimini, Cesenatico, Bologna.


Marta Dalla Via

Attrice e performer, inizia il suo percorso teatrale seguendo attivamente il lavoro di Angela Malfitano, Pippo Delbono, Laura Curino, Francesca Mazza. Nel 2001 si diploma presso la scuola di teatro di Bologna diretta da Alessandra Galante Garrone. Trascorre un periodo di lavoro presso il Cirque Baroque a Parigi. Si laurea nel 2003 al Dams di Bologna. Partecipa al corso La regia della maschera di Michele Modesto Casarin e Serena Sinigallia. Torna a Parigi e approfondisce lo studio della commedia dell’arte con Carlo Boso. Dal 2002 lavora con la compagnia Pantakin da Venezia con la quale vince nel 2006 il Leone d’oro alla biennale di Venezia e nel 2008 il premio della critica. Dal 2006 è autrice dei suoi allestimenti, dove mescola tecniche di maschera e clown alla nuova drammaturgia. Nel 2008 vince il primo premio del concorso Menabò con La Olga 1958; nell'autunno dello stesso anno fonda con Claudia De Luca e Roberto Di Fresco l'ass. cult Minimalimmoralia. Nel 2010 vince il Carlino D'oro come comico più originale e il premio Kantor con Piccolo Mondo Alpino, il cui testo riceve anche la menzione speciale della giuria al concorso drammaturgico CTAS oltrelaparola 2011. Nel 2013 vince il premio SCENARIO con il progetto Mio figlio era come un padre per me.


Michela Oleotti

Formatrice di teatro sociale, laureata con lode in Filosofia all'Università degli Studi di Pavia con tesi sull'empatia tra teatro, psicoanalisi e fenomenologia. Si è formata al teatro sociale presso il CRT - Centro di Ricerca per il teatro di Milano, dove è poi stata Responsabile del Settore Formazione e successivamente responsabile nell'area dello sviluppo di progetti di teatro sociale di comunità del Centro di Drammaturgia Comunitaria del CRT. Dal 2000 copre questo ruolo per la Scuola di Teatro Sociale del Teatro Fraschini e dell'Università degli Studi di Pavia. Collabora attivamente con Calypso - il teatro per il sociale, APS fondata da corsisti della Scuola di Teatro Sociale, che si occupa di teatro sociale in contesti di disagio, prevenzione, formazione, sviluppo di comunità, drammaturgia della festa, ecc. Collabora con Lilt - Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - nella Campagna Antitabagismo. Si occupa anche della formazione di operatori, formazione aziendale, formazione genitoriale, ricerca finanziamenti con bandi pubblici e privati, sviluppo e ricerca di nuovi ambiti di sviluppo del teatro sociale, percorsi innovativi di educazione alla lettura con tecniche di teatro sociale per minori, docenze in ambiti di Learning Week. E' interessata al ruolo del teatro nella prevenzione alla violenza di genere e nell'accompagnamento ai riti di passaggio, individuali e sociali, nella loro attuale complessa trasformazione.


 

Seguici su: